#Clima #Consumi #Energia #Petrolio&Gas

Non chiamatelo maltempo!

Impegni politici miopi, aziende che continuano a bruciare gas, petrolio e carbone: mentre la politica temporeggia, la nostra casa è in fiamme. I fenomeni meteo…

Partecipa

In relazione alla pubblicazione della versione definitiva del Piano Nazionale Integrato Energia e Clima (PNIEC) inviato dal governo italiano alla Commissione europea, Greenpeace esprime disappunto e preoccupazione per un testo semplicemente insufficiente a contrastare l’emergenza climatica in cui viviamo.

«L’Italia non è di certo sulla strada giusta per rispettare gli Accordi di Parigi. Ad una prima lettura del testo proposto dal governo si vedono aumenti quasi insignificanti per gli obiettivi di efficienza energetica e rinnovabili termiche, mentre il gas, uno dei responsabili della crisi climatica, continua ad essere il padrone indiscusso del futuro del nostro Paese», dichiara Luca Iacoboni, responsabile della campagna energia e clima di Greenpeace Italia.

Come dichiarato dal ministro Costa, il PNIEC potrebbe dover essere modificato a breve, poiché l’Ue rivedrà presto i propri obiettivi climatici ed i piani presentati dagli Stati Membri dovranno essere adeguati alle nuove indicazioni.

«Non ha senso proporre un piano sostanzialmente già vecchio e dirsi disponibili ad aggiornarlo», continua Iacoboni. «Questa è l’ennesima volta che l’Italia perde l’occasione per esprimere una leadership nella lotta al cambiamento climatico. Anche perché non basta fissare obiettivi, servono strumenti per raggiungerli. Il governo dunque smetta di fare gli interessi della lobby del gas e del petrolio e inizi a schierarsi davvero dalla parte dei cittadini che ogni giorno subiscono inquinamento e crisi climatica», conclude.